Come viene prodotto l’estrogeno?

Forme di estrogeni

Il termine “estrogeno” descrive in realtà molti diversi ormoni correlati. Questi estrogeni sono estrone (forma predominante durante la menopausa), estriolo (estrogeno primario durante la gravidanza) e estradiolo (che è la forma più comune di estrogeno nelle donne non in gravidanza tra la pubertà e la menopausa). Gli estrogeni sono l’ormone sessuale femminile dominante, il che significa che l’estrogeno è responsabile della salute riproduttiva femminile e dello sviluppo delle caratteristiche sessuali (come i seni). Gli estrogeni lavorano viaggiando in cellule e legandosi a specifici punti del DNA, che provoca determinate proteine.

Produzione di estrogeni

Gli estrogeni possono essere prodotti da tessuti adiposi, il fegato, le ghiandole surrenali e le ovaie. Le ovaie sono la principale fonte di estrogeni nelle donne in premenopausa, ad eccezione delle donne in gravidanza. La produzione di estrogeni dalle ovaie inizia con le cellule theca interna, che convertono il colesterolo in un ormone chiamato androstenedione. Questo ormone viene quindi esportato in altre cellule all’interno delle ovaie, dette cellule granulose. Queste cellule convertono l’adrostenedione in estradiolo. Durante la gravidanza, la produzione di estrogeni viene assunta dalla placenta. Dopo la menopausa, le ovaie smettono di produrre estrogeni e sono invece fatte dalle ghiandole surrenali, dal fegato e dal tessuto grasso all’interno dei seni.

Controllo e funzione dell’estrogeno

L’estrogeno è una parte importante del ciclo mestruale femminile e la sua secrezione dipende da due altri ormoni mestruali, ormone luteinizzante e ormone stimolante del follicolo. Quando i livelli di estrogeni sono bassi (all’inizio del ciclo mestruale), aumenta l’ormone stimolante del follicolo. Questo stimola le ovaie nello sviluppo di un follicolo, che in ultima analisi produrrà un uovo. Il follicolo produce ormone luteinizzante. La combinazione di questi due ormoni consente di estrarre l’estrogeno. Una funzione dell’estrogeno, in termini di mestruazione, è l’ispessimento della fodera dell’utero. Questo aiuta a preparare l’utero a sostenere un uovo fecondato se la donna diventa incinta. Se la fecondazione non si verifica, i livelli di estrogeni cadono, causando che la fodera dell’utero scompare, con conseguente mestruazione.