Rimedi domestici per i sintomi di ritiro degli oppiacei

Misure Comfort

La dipendenza da killer di dolore narcotico derivata o sintetizzata da papaveri di oppio, come l’eroina, la morfina, la codeina, l’ossicodone, l’idrocodone o l’idromorfone, è caratterizzata da una crescente necessità di dosi elevate, intense cravazioni e malattie fisiche quando il farmaco viene fermato. Terminare l’uso di oppiacei dopo un lungo periodo può causare disagio grave, ma non pericoloso per la vita. Secondo Roger Minton, responsabile del detox presso ABC Recovery Center di Indio, in California, i sintomi fisici del ritiro dell’opia cominciano entro poche ore dall’ultima dose e diminuiscono gravemente dopo tre giorni, con una risoluzione completa in 5 a 7 giorni.

Over-the-Counter Medicazioni

I sintomi di ritiro dell’Opiate possono includere sudorazione, naso che cola, dolori al corpo, crampi addominali, diarrea, vomito, pupille dilatate, occhi acquosi, agitazione, ansia, nervosismo, iperattività, brufoli d’oca, vampate di calore, febbre, brividi, Insonnia, frequenza cardiaca rapida e aumento della pressione sanguigna. Le misure di comfort comprendono un ambiente tranquillo, bagni caldi o docce e un tappetino o una bottiglia di acqua calda per il dolore. Minton combatte la disidratazione nelle sue accuse con bevande sportive e brodi di zuppa, cercando di allontanarli dalle bevande caffeinate, che possono agire come diuretici. Lui e il suo staff aiutano a sfregare i muscoli crampi e offrono succo d’arancia e banane per il potassio necessario.

Erbe e integratori

L’ibuprofene o il naproxen possono fornire un sollievo dal dolore; l’acetaminopen può essere tollerato meglio se lo stomaco è molto sconvolto. Un antistaminico, come la difenhidramina, può essere efficace per l’insonnia o per ridurre l’ansia. I trattamenti di diarrea comprendono i preparati di loperamide. La crema di idrocortisone o unguento da pannolino può lenire i tessuti perianali irritati. Un buon multivitaminico con vitamina C supplementare può contribuire a fornire un supporto nutrizionale.

Anche se nessun rimedio tradizionale è dimostrato efficace nel trattamento dei sintomi di ritiro degli oppiacei da studi scientifici, Minton riferisce utilizzando il profumo di olio di menta piperita per alleviare la nausea lieve. Eric R. Braverman, M.D., autore di “The Healing Nutrients Within”, suggerisce che l’amminoacido glutammato può aiutare le cure tranquille e che la taurina può ridurre il disagio del ritiro dell’opio. Braverman raccomanda anche la melatonina o il triptofano per disturbi del sonno e il minerale, il magnesio per aiutare il rilassamento muscolare. Le erbe tradizionalmente utilizzate per calmare i nervi includono valeriano, kava kava e passionflower. Secondo quanto riferito in Messico come rimedio per il ritiro degli oppiacei, il passionflower è discusso in un articolo sui benefici e sui rischi dei farmaci a base di erbe pubblicato nel febbraio 2008 “Tossicologia e Farmacologia Applicata”. Gli autori citano uno studio in cui è stato somministrato estratto liquido di passionflower con la clonidina di farmaco a pressione sanguigna e trovata per ridurre l’ansia, l’irritabilità, l’insonnia e l’agitazione nei soggetti che passano attraverso il prelievo di oppiacei meglio della clonidina da solo. Gli effetti collaterali del passionflower possono comprendere vertigini e nausea, l’articolo ha anche avvertito che alcune specie possono contenere sostanze chimiche associate alla tossicità epatica. Consultare un fornitore di assistenza sanitaria professionale prima di prendere qualsiasi erba o integratore a base di erbe.